Tu sei qui: Home / News / 18/01/2017 - Conferenza Finale "Aver cura delle nostre coste: esperienze mediterranee e italiane a confronto”

18/01/2017 - Conferenza Finale "Aver cura delle nostre coste: esperienze mediterranee e italiane a confronto”

Si è tenuta ieri la Conferenza Internazionale dedicata alla Gestione Costiera Integrata

Si è tenuta ieri, 17 gennaio, a Roma, presso la Società Geografica Italiana, la Conferenza Finale del Progetto “CAMP Italy”, cui sono intervenuti la Dott.ssa Maria Carmela Giarratano, Direttore Generale Protezione della Natura e del Mare del Ministero dell'Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, e il Dott. Gaetano Leone, Coordinatore del Piano d’Azione per l’Ambiente del Mediterraneo (UNEP MAP) e Segretariato delle Nazioni Unite della Convenzione di Barcellona.

Durante l’evento sono stati presentati i risultati raggiunti e le metodologie messe a punto dal Progetto, promuovendo il confronto con altre esperienze maturate in ambito mediterraneo sui temi della governance della gestione costiera, a livello europeo e internazionale. Nel suo messaggio di apertura della Conferenza, il Dott. Gaetano Leone ha detto: "CAMP Italy è stato un ottimo esempio del valore del concetto che sta alla base di questo tipo di iniziative. Ha contribuito in modo sostanziale alla attuazione in Italia del  Protocollo sulla gestione integrata delle zone costiere del Mediterraneo della Convenzione di Barcellona, come strumento principale per conseguire uno sviluppo sostenibile. Il lavoro non finisce oggi. Infatti, riaffermiamo il nostro forte impegno ad agire, ad impegnarci e a lavorare attivamente in cooperazione con i diversi settori, al fine di generare situazioni propizie per le nostre coste, per il beneficio di tutti. UNEP / MAP è orgoglioso di aver fatto parte di questo eccellente Progetto e farà del suo meglio per garantire l'attuazione e la diffusione dei suoi risultati di successo".

Grazie al Progetto sono stati sviluppati strumenti e metodologie utili per la gestione costiera che hanno un alto valore in termini di replicabilità nell'ambito del Network dei Progetti CAMP e utilizzabili dalle istituzioni responsabili della gestione delle coste.

L'incontro è stato chiuso dalla Dott.ssa Maria Carmela Giarratano, Direttore Generale del MATTM, che ha presentato le conclusioni e ha sottolineato l'importanza del Network CAMP, alla luce della capitalizzazione dei risultati dei progetti, in particolare per le metodologie e gli strumenti testati. Ha anche ribadito la necessità di ratificare il Protocollo sulla Gestione Integrata delle Zone Costiere del Mediterraneo (Protocollo GIZC).

Attraverso azioni pilota CAMP, le Regioni partner (Emilia-Romagna, Sardegna e Toscana) hanno sviluppato strategie e procedure per l’utilizzo razionale delle risorse costiere e marine per la protezione ambientale, con l’obiettivo di identificare e testare operativamente metodologie, strumenti e pratiche di sviluppo sostenibile della costa e di valorizzare il patrimonio storico e paesaggistico italiano, in particolare in settori quali il turismo, la pesca, le opere di difesa costiera.

Fin dalla sua approvazione da parte delle Parti contraenti della Convenzione di Barcellona nel 1989, il Coastal Area Management Program of the UN Mediterranean Action Plan (Programma di gestione dell’area costiera del Piano d’Azione delle Nazioni Unite per il Mediterraneo) è stato un programma "guida” per i Paesi, progettato per rispondere alle priorità nazionali, regionali e locali. Mirava ad aiutare i Paesi del Mediterraneo nel loro impegno verso uno sviluppo sostenibile, favorendo l'attuazione di strategie nazionali per la gestione integrata delle zone costiere e la promozione di progetti pilota nelle zone costiere dei Paesi firmatari della Convenzione. Il Progetto ha contribuito a integrare, standardizzare, condividere e implementare strumenti e procedure volte ad adeguare la pianificazione territoriale, con implicazioni per la gestione delle risorse costiere e delle attività.

I progetti CAMP hanno rivelato importanti lezioni da replicare nella Regione e oltre, sostenendo la comprensione delle nostre aree costiere, i loro valori e l'importanza nella nostra vita quotidiana e della complessità di questa Regione in termini ecologici, socio-politici ed economici.

Le presentazioni sono scaricabili a questo link