Tu sei qui: Home / Network

Partner e Supporter

Al Progetto CAMP Italy partecipano, a vario titolo, 5 partner, 7 supporter e molteplici stakeholder. In particolare:

  il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), quale responsabile istituzionale;

  l’UNEP-MAP-PAP/RAC, che svolge il ruolo di coordinamento e supervisione per la corretta attuazione dei progetti CAMP nel Mediterraneo;

  le Regioni Emilia-RomagnaToscana e Sardegna-Agenzia Conservatoria delle Coste, nel cui territorio si trovano le aree CAMP dove si attuano le azioni pilota.

  il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare (CoNISMa), che svolge attività di supporto operativo e funzionale all’attuazione delle attività orizzontali, previste come “azioni funzionali” del Progetto; 

l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), che svolge, attraverso l’Accordo con il CoNISMa, attività di supporto operativo e funzionale all’attuazione delle attività orizzontali, previste come “azioni funzionali” del Progetto;

  il Centro per lo sviluppo ambientale nel Mediterraneo (BP/RAC), che contribuisce a sostenere le attività relative all’Obiettivo 3 di verifica della sostenibilità delle attività socio-economiche che insistono sulla zona costiera;

  il Centro per l’informazione e la comunicazione della Convenzione di Barcellona (INFO/RAC), che fornisce soluzioni tecniche e assistenza alle attività trasversali;

  il Programma per la valutazione e il controllo dell’inquinamento marino (MED POL), che contribuisce a mettere in connessione e a integrare le attività progettuali con l’attuazione di quelle misure, giuridicamente vincolanti, relative all’inquinamento marino e costiero;

  il Centro regionale di attività per la produzione e i consumi sostenibili (SCP/RAC), che fornisce supporto al gruppo di coordinamento CAMP per la valutazione delle Attività progettuali e il loro impatto in termini di sviluppo e cambiamento, produzione e consumo sostenibili nelle regioni interessate dal Progetto;

 il Centro regionale di attività per le aree specialmente protette (SPA/RAC), che supporta le attività progettuali nella identificazione e adozione di un approccio partecipativo con i vari stakeholder, nonché nell’individuazione di strategie di capacity building.